“PINK WEEK” BIC LAZIO VITERBO

“PINK WEEK” BIC LAZIO VITERBO Il giorno 7 marzo 2017 alle ore 17.00 presso lo Spazio Attivo del Bic Lazio di Viterbo Lorenza Fruci condurrà lo Small Talk organizzato all’interno della Pink Week in collaborazione con MEDIOERA. Il tema dell’incontro sarà “La peculiarità delle donne nell’impresa digitale”.

“BURLESQUE. STORIA DI DONNE” SU SKY ARTE ON DEMAND

“BURLESQUE. STORIA DI DONNE” SU SKY ARTE ON DEMAND Su Sky Arte in modalità On Demand è possibile vedere il documentario inedito “Burlesque. Storia di donne” di Lorenza Fruci, precedentemente in concorso al RIFF nella sezione Documentari Italiani nel 2015. Il documentario racconta le esperienze vere delle artiste italiane Eve La Plume, Milena Bisacco, Janet Fischietto, Scarlett Martini, Albadoro Gala e Betty Rose, accomunate dal fatto di aver cambiato vita dopo

DANCEABILITY (2015)

DANCEABILITY (2015) La regista Emilia Martinelli, l’attore Giacomo Curti, il danzatore Marco Ubaldi e la performer Erica Brindisi, artisti accomunati dall’amore per la danza, nella “danceability” hanno trovato un modo per danzare tutti insieme. I loro spettacoli nei teatri, ma anche nelle strade, sono delle occasioni per stare insieme, senza limiti, senza impossibilità e soprattutto dando una forma artistica all’inclusione. In post-produzione. Produzione Cooperativa Tam Tam Soggetto, sceneggiatura e regia

BURLESQUE. STORIA DI DONNE (2014)

BURLESQUE. STORIA DI DONNE (2014) Il documentario “Burlesque. Storia di donne” di Lorenza Fruci racconta storie vere di donne italiane che per il burlesque hanno cambiato vita. Eve La Plume, Milena Bisacco, Janet Fischietto, Scarlett Martini, Albadoro Gala e Betty Rose sono le protagoniste di questo docufilm che narra le loro differenti storie che hanno un comune denominatore, un filo rosso che le lega e che un giorno le ha

LA ZIBALDINA. UNA STORIA DI CROWDFUNDING (2013)

LA ZIBALDINA. UNA STORIA DI CROWDFUNDING (2013) Il documentario di taglio giornalistico “La Zibaldina. Una storia di crowdfunding” spiega cos’è e come funziona questo tipo di finanziamento attraverso il case history della webzine La Zibaldina. Il documentario, ideato da Lorenza Fruci, realizzato da una troupe interamente al femminile e prodotto dalla Cooperativa Tam Tam, in collaborazione con elleffe factory&comunicazione, ha vinto il secondo premio della 3° edizione del Premio Chiara Baldassari indetto dal Comune di Vecchiano per giornaliste,

CORTILE (2012)

CORTILE (2012) “Cortile” è il primo cortometraggio realizzato interamente da Lorenza Fruci nel 2012, selezionato dal festival “ARCIPELAGO Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini 2012” all’interno della rassegna “Nuovi romani: l’altro sguardo”.

FESTIVAL “DIRITTI A TODI”

FESTIVAL “DIRITTI A TODI” Il corto “Danceability. Alito Alessi in Italia” (2015) di Lorenza Fruci, prodotto dalla Cooperativa Tam Tam, sarà in concorso al festival di documentari d’autore “Diritti a Todi” che si svolgerà dal 25 al 28 Gennaio 2017. Ecco il PROGRAMMA.

FESTIVAL “ALGORITMO”

“ALGORITMO”  Lorenza Fruci sarà tra gli ospiti di Algoritmo, festival dedicato all’arte contemporanea, che si terrà per il secondo anno a Civita di Bagnoregio dall’8 all’11 Dicembre 2016. L’appuntamento è per il talk “Lo storytelling dell’arte” Domenica ore 14,15 all’Auditorium insieme a Massimiliano Capo e Andrea Alessi.

CONVEGNO SUL FEMMINICIDIO

CONVEGNO SUL FEMMINICIDIO Lorenza Fruci interverrà sul tema della comunicazione del femminicidio durante il “Convegno sul femminicidio” organizzato, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, dal Comitato Genitori Tacito-Guareschi per il giorno Venerdì 2 dicembre 2016 h 18:30 presso la Sala Grande dell’Oratorio di Vitinia.

GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA

25 Novembre 2016 – Giornata internazionale contro la violenza Fonte www.lazibaldina.com Caro Uomo, in questa giornata in cui non si farà altro che parlare della violenza sulle donne, mi chiedo cosa penserai e quali riflessioni farai. Vorrei tanto entrare nella tua testolina e scoprire quali immagini e situazioni associ a questa piaga sociale. Non so perché, ma ho come la sensazione che tutto questo trambusto che noi donne stiamo facendo